Dizione: 3 trucchi per migliorare la propria voce

All’interno di Co.Ro. Coworking Rome Pigneto, lavorano persone appartenenti ad aree regionali e nazionali diverse, e non stupisce che una stessa parola venga pronunciata sempre con una diversa sfumatura. La nostra voce è un biglietto da visita formidabile, che raccoglie e mostra le nostre origini, il nostro percorso e il nostro modo di relazionarsi agli altri, e che può essere affinata attraverso lo studio della dizione.

Migliorare la propria dizione permette di comunicare e comunicarsi meglio, e diventa un requisito essenziale se si desidera iniziare un percorso lavorativo in ambiti specifici come lo speaking radiofonico, il doppiaggio e la recitazione. Per raggiungere l’obiettivo di avere una voce pulita e ben comprensibile, l’interessato non può esimersi dal frequentare un corso di dizione professionale e continuativo, tenuto da chi ha fatto della voce la sua professione.
Per approcciarsi al mondo della dizione, ecco 3 esercizi da cui partire!

1) Matita tra i denti

Anche se può sembrare buffo, iniziare un monologo o la lettura di un testo ad alta voce con una matita tra i denti è un esercizio importante per migliorare la propria dizione. La matita è infatti un ostacolo che va a favorire l’articolazione e l’eliminazione dei difetti di pronuncia.

2) Scioglilingua

Anche in questo caso l’obiettivo è quello di mettere in difficoltà la propria lingua. Per migliorare la dizione, la pronuncia e l’articolazione, ripetere molti scioglilingua può rivelarsi un esercizio molto efficace, anche per mette in luce con chiarezza le proprie lacune. Ecco alcuni scioglilingua con cui cominciare:

C’è un baco dentro il buco spiaccichiccicacelo,
non c’è il baco dentro il buco non spiaccichiccicarcelo.

Tre tozzi di pan secco
in tre strette tasche stanno;
in tre strette tasche stan
tre tozzi di pan secco.

Il cuoco cuoce in cucina
e dice che la cuoca giace e tace
perché sua cugina non dicache le piace
cuocere in cucina col cuoco.

Una rana nera nera sulla rena errò una sera,
una rara rana bianca sulla rena errò un po’ò stanca.

3) Dritto e Neutro

Il terzo esercizio per migliorare la propria dizione riguarda la lettura di un testo, e nel dettaglio: come farlo? Ascoltarsi mentre si parla è un aiuto importante, e leggere con cadenza dritta e neutra (senza quindi recitare e dare alcuna intonazione al testo) aiuta a migliorare l’articolazione e il pronunciare le parole nel modo corretto… senza mangiarle!

 

Corso dizione Roma Pigneto

Condividi sui Social: